Collegati con noi

Primo Piano

Covid-19: negli States in arrivo entro fine novembre i primi due vaccini

Pubblicata

il

NEW YORK – Arrivano buone notizie sul versante vaccino anti-Covid dagli Stati Uniti, perchè le due società farmaceutiche statunitensi Pfizer e Moderna hanno fatto sapere che chiederanno negli States l’autorizzazione per i loro vaccini anti-Covid entro la fine di novembre.
Le due società per poter mettere in produzione immediatamente il vaccino dovranno attendere preò il via libera della Fda, l’agenzia farmaceutica Usa, ma comunque nel frattempo il governo americano sta preparando la grande catena logistica necessaria per poter poi distribuire rapidamente le prime dosi del vaccino, già addirittura  entro 24 ore dall’eventuale autorizzazione. Si prevede quindi per dicembre l’avvio della campagna di vaccinazione per le categorie a maggior rischio negli Usa. Questo dovrebbe aprire la strada alla messa in produzione dei vaccini anche in Europa.

Continua a leggere

Primo Piano

Ue:«combattiamo l’esitazione a vaccinarsi»

Pubblicata

il

parlamento europeo

BRUXELLES – «Le campagne di vaccinazione in Europa hanno portato a progressi significativi nella lotta contro il Covid. In alcuni Stati membri, tuttavia, la situazione rimane molto grave». E’ quanto emerge dal Consiglio Ue, in corso a Bruxelles, sulla pandemia. Opportuno, scrive in un documento il Consiglio, «intensificare gli sforzi per superare l’esitazione vaccinale, anche contrastando la disinformazione, in particolare sui social media. Poi: restare vigili sulle varianti del virus e continuare il coordinamento per la libera circolazione in e verso la Ue».

Continua a leggere

Breaking News

Consiglio di Stato: obbligo vaccinale per il personale medico è legittimo

Pubblicata

il

medicovaccino

ROMA – L’obbligo vaccinale per il personale sanitario è leggittimo. Cosi ha sentenziato il Consiglio di Stato. Respinta l’istanza di alcuni medici, paramedici, farmacisti e parafarmacisti ed altri operatori sanitari che operano nel Friuli-Venezia-Giulia. “L’obbligo vaccinale – scrivono i giudici  del Consiglio di Stato – non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà che grava su tutti i cittadini”. L’obbligo vaccinale, aggiungono i giudici , “è imposto a tutela non solo del personale sanitario, impegnato nella lotta contro la diffusione del Covid, ma anche dei pazienti e delle persone più fragili che sono ricoverate o si recano comunque nelle strutture sanitarie o socioassistenziali”. “E l’obbligo vaccinale  – conclude il Consiglio di Stato – non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà (art. 2 Cost.) che grava su tutti i cittadini, a cominciare dal personale sanitario, nei confronti dei soggetti più vulnerabili e che sarebbero più esposti alle conseguenze gravi o addirittura letali del virus per via del contatto con soggetti non vaccinati”.

Continua a leggere

Breaking News

Iss: deceduti vaccinati sono i più anziani e fragili

Pubblicata

il

ROMA – Secondo un approfondimento contenuto nell’ultimo report dell’Istituto superiore di sanità, basato su un campione di cartelle cliniche nel periodo 1 febbraio-5 ottobre di eceduti per Covid che hanno ultimato il ciclo vaccinale hanno un’età media più alta rispetto ai non vaccinati (85,5 contro 78,3) e sono “iperfragili”. Anche il numero medio di patologie osservate è “significativamente più alto” nei vaccinati: 5 patologie preesistenti contro 3,9 dei non vaccinati.

Continua a leggere

Primo Piano