Collegati con noi

Sport

Mondiali di calcio in Qatar: il gioco in secondo piano tra proteste e recuperi mai visti

Pubblicata

il

Mondiali di calcio in Qatar: il gioco in secondo piano tra proteste e recuperi mai visti

QATAR – A Mondiale di calcio appena iniziato non si placano le polemiche che vanno fuori anche dal rettangolo di gioco ed investono la politica. Ieri Inghilterra-Iran è finita 6 a 2 ma è quanto accaduto prima della partita ad aver occupato i media online di tutto il mondo. Sempre nel gruppo B, gli Stati Uniti hanno pareggiato con il Galles e nel A, il Senegal è stato battuto 2-0 dall’Olanda. Oggi scendono in campo Argentina e Arabia Saudita (ore 11); Danimarca-Tunisia (ore 14); Messico-Polonia (ore 14). Altra questione di questo mondiale sono i recuperi: minuti di recupero più altri 5 nella partita di apertura tra Qatar e Ecuador, 2+9 in Senegal-Olanda, 4+9 in Stati Uniti-Galles e poi il maxi-recupero, 14+10, che ha fatto entrare Inghilterra-Iran nei Guinness della storia dei Mondiali. Già dalle prime gare di Qatar 2022 appare evidente che il calcio è cambiato, il messaggio della Fifa è chiaro ed era stato già preannunciato in primavera dal presidente Gianni Infantino: “In ogni partita c’è molto tempo perso. C’è bisogno di rivedere qualcosa perché gli spettatori pagano per vedere 90 minuti di calcio, mentre le gare durano 50 minuti”.

L’articolo Mondiali di calcio in Qatar: il gioco in secondo piano tra proteste e recuperi mai visti proviene da PRIMA NOTIZIE.

Continua a leggere
Generated by Feedzy