Collegati con noi

Moda & Tendenze

SHERì & VANTO insieme per l’evento di presentazione della nuova collezione

Pubblicata

il

EXPORT SMI05365 2

NAPOLI – Una grande sinergia tra passione e innovazione. Sono questi i punti di forza che hanno in comune Sherì e Vanto, due imprese dell’abbigliamento napoletano che si distinguono per stile, unicità e professionalità. Caratteristiche che li hanno riuniti e che saranno mostrate al pubblico venerdì 26 novembre all’evento Fall in Love with SHERì & VANTO Winter Collection per la presentazione della nuovissima collezione autunno inverno 2021/22.
VANTO (showroom in via Vittorio Imbriani 52) si rivolge ad un target femminile, che sia la giovane sempre a caccia di tendenze o la signora che non rinuncia all’eleganza, con capi sofisticati e stilosi. Vedremo quindi capi versatili in pregiati filati italiani e sostenibili e su richiesta disponibili in tutti i colori che spaziano dagli scialli best seller alle cappe, ai poncho, alle tuniche protagoniste fino agli accessori quali le sciarpe, i cappelli e le borse da regalare e regalarsi.
SHERì (showroom Largo Ferrantina a Chiaia 1) abbraccia il fur fashion dando prova da sempre di garanzia con un’esperienza trentennale nel settore della pellicceria italiana della famiglia Cincini. Se la signora elegante trova qui la pelliccia classica e intramontabile nel segno di uno stile senza tempo, le giovani e più ardite in tema di moda possono concedersi il piacere d’indossare un capo raffinato ma con una connotazione moderna: protagoniste le fantasie geometriche in stile optical con triangoli, frecce, patterns peruviani e intarsi a mano in street mood. E ancora, pelle, montoni e giubbotteria da vedere per un regalo che lascia il segno. In tema di wish list natalizie anche le borse, i cappelli e gli accessori in lana con guarnizioni in pelliccia e dal budget più contenuto. All’evento sono attesi anche gli uomini che ammireranno una collezione a loro dedicata con la linea maschile OC STUDIO. Appuntamento venerdì 26 novembre presso lo show-room di Largo Ferrantina a Chiaia 1 a partire dalle ore 18.00.

Continua a leggere

Moda & Tendenze

The Second Life, Le Zirre Napoli lancia un progetto all’insegna del riciclo e della sostenibilità

Pubblicata

il

Da

0E9836DB CDD8 421B B0E9 5655C7D9B9F0 1 201 a

NAPOLI – Le Zirre Napoli lancia la linea The Second Life che sarà presentata martedì 30 Novembre dalle ore 17 presso lo store Le Zirre di via San Pasquale 27 insieme agli auguri di Natale. Un progetto all’insegna del riciclo e della sostenibilità nel rispetto dell’ambiente, al sostegno per gli animali.

Re-birth. Rinascita. Un tema particolarmente caro a Le Zirre Napoli® che da sempre fonda la propria filosofia sul rispetto della natura, degli animali e sulla ricerca e sul recupero di tessuti pregiati, destinati alla produzione di borse e accessori che si distinguono per l’unicità e lo stile inconfondibile. 

Il brand #madeinaples, fatto a Napoli da napoletani, è impegnato in una iniziativa con Carpisa, all’insegna della sostenibilità dal titolo The Second Life. I consumatori, in occasione di questo progetto, hanno portato negli store Carpisa borse e zaini usati di qualsiasi materiale e qualsiasi brand. 

Le Zirre Napoli hanno effettuato una cernita dei prodotti destinati al macero nella azienda Logeco, ed hanno rilavorato una parte di queste borse seguendo lo stile tipo delle Zirre e rimesso in vendita con il marchio “The Second Life”, alcuni pezzi poi sono stati ideati dagli studenti del corso di Laurea in Design per la Moda della Università Vanvitelli.

La riduzione del CO2 in questo progetto di partnership è stata certificata dalla azienda AzzeroCO2. Il ricavato della vendita di questa linea di borse sarà devoluto ad una Associazione animalista del territorio campano, Le Amiche di Lu onlus.

“Il motivo in più per innamorarsi della collezione è legata al grande amore che il nostro marchio ha per gli animali”, afferma Eleonora Frezza che con il fratello Pierluigi (nella foto) è titolare del brand napoletano.  “Ricicliamo, riutilizziamo, riduciamo i rifiuti, doniamo nuova vita a impatto zero”. Restyling e Riciclo creativo: questa è la mission di The Second Life. “Vogliamo dar voce a chi non ne ha, agli animali che pur non esprimendosi a parole con gli occhi dicono anche molto di più. Ci auguriamo che questo progetto di eco-sostenibilità e di economia circolare possa essere compreso nella sua pienezza. Ognuno di noi deve fare qualcosa, se il mondo deve cambiare in meglio” afferma Pierluigi Frezza.

Continua a leggere

Intrattenimento

Mr. Monopoly torna a Napoli, nuove strade ed insegne per raccontare l’eccellenza partenopea

Pubblicata

il

Da

Tabellone Monopoly Napoli 2021

NAPOLI – Monopoly lancia la terza edizione dedicata alla città partenopea. Dopo il successo delle scorse edizioni di MONOPOLY NAPOLI (la prima nel 2017 e la seconda nel dicembre 2019), il celebre gioco da tavolo ritorna in città completamente rinnovato.
Una nuova tiratura con nuove insegne e strade per raccontare ancora una volta Napoli e le sue eccellenze. Il tabellone riprende la pianta della città con il golfo e i monumenti più iconici: da Castel dell’Ovo alla Piazza del Plebiscito. Le storiche strade e piazze del gioco riprendono la toponomastica cittadina: ecco via dei Tribunali, via Chiaia, Lungomare, via Posillipo, Porta Capuana e via Toledo. E per ogni strada un’insegna cara ai napoletani: Sorbillo, 50 Kalò, Palazzo Petrucci, Trattoria Nennella , Casa Infante, Eccellenze Campane. Ed ancora Umberto, Carraturo, Olio e Pomodoro, Idea Bellezza, Laura Bistrot.
Per la prima volta entra nel tabellone la storica insegna E. Marinella associata alla casella di Piazza Vittoria dove, da oltre un secolo, c’è la piccola boutique delle cravatte più apprezzate nel mondo.
Entra nel Monopoly Napoli 2021 anche il Gruppo Ciro Amodio sinonimo di latticini di alta qualità dal 1825: il rinomato brand della mucca che ride compare sulla casella di Via Salvator Rosa dove oggi c’è una delle oltre 60 “piccole botteghe di vicinato” del network Amodio. Fanno capolino per la prima Puok il fortunato Burger Store di Via Cilea, altro successo tutto made in naples; Impasto 55, nuova pizzeria del lungomare, e Tandem il celebre marchio del ragù partenopeo che conquista ben tre caselle del gioco: via Benedetto Croce, Piazza del Gesù e Piazzetta Nilo.
Ai brand Molino Caputo, Coelmo, Legnami Parziale, ABC Acqua Bene Comune si aggiunge quest’anno come “Stazione” anche London Vomero, punto di riferimento a Napoli per lo streetwear. Tra le novità anche il CAF Fenalca. Radio Kiss Kiss Napoli si conferma Radio ufficiale.
Monopoly Napoli 2021 sarà in vendita da fine Novembre nelle librerie Feltrinelli e nel circuito dei negozi Toy Center.
Questa nuova tiratura dedicata a Napoli, realizzata con il Patrocinio del Comune di Napoli, si va ad aggiungere alle altre 500 edizioni speciali intitolate alle città di tutto il mondo. L’idea è quella di offrire un’esperienza ludica di forte coinvolgimento: il giocatore infatti si muove su strade conosciute, fa sosta in posti di ritrovo abituali, mentre Probabilità ed Imprevisti rimandano a situazioni, figure e luoghi di immediata identificazione.
Napoli è stata la prima città d’Italia ad avere un’edizione personalizzata, cui si sono poi aggiunte Roma, Verona e Bergamo.
Il Monopoly creato da Elizabeth Magie all’inizio del XX secolo e pubblicato per la prima volta nel 1935, è il gioco da tavolo più giocato al mondo da generazioni di persone: si stima che più di 700 milioni di persone vi abbiano giocato almeno una volta nella vita.

Continua a leggere

Moda & Tendenze

Mafalda De Simone, l’influencer che seduce il popolo social

Pubblicata

il

Da

DDB82296 BCE7 4BB5 BD65 6FAA1B04994A

NAPOLI – Oltre 190.000 follower su Instagram, collaborazioni con diversi brand della moda, del beauty e del fitness, testimonial e punto di riferimento di molte aziende internazionali e anche artigianali del Made in Italy. E ora anche simbolo di seduzione per lo sterminato popolo dei social. Mafalda De Simone, influencer e imprenditrice digitale campana, studia Giurisprudenza ed è al termine del percorso universitario.

“Ho sempre avuto la passione per le foto, la moda, gli outfit, il make- up, il fitness. Inizialmente – racconta – condividevo i miei scatti in uno spazio privato come Facebook, mentre adesso lo faccio in uno spazio pubblico, il mio profilo Instagram: www.instagram.com/mafds/”.

Il percorso di Mafalda ha inizio nell’estate del 2016. Tutto è cominciato per gioco, pubblicando scatti inerenti outfit, makeup e ottenendo sempre maggior riscontro. Così Mafalda entra in contatto con diverse aziende per le campagne di promozione dei loro prodotti riuscendo a conquistare la fiducia di tutti. “Sono molto  creativa – confessa – è fondamentale per me essere sempre aggiornata sulla moda del momento, io credo che però sia necessario avere uno stile proprio, adeguarsi alle tendenze, ma dando quel tocco di personale per poter affermare una propria identità e originalità. Il preconcetto più difficile da sfatare è sicuramente che fare l’influencer sia un lavoro facile che consiste nel pubblicare qualche foto scattata in fretta. Invece dietro c’è un duro lavoro, molto trasversale, che va dai contatti con le aziende, al test dei prodotti da sponsorizzare, per offrire un giudizio veritiero e non falsato, fino ad arrivare alla produzione del materiale fotografico con i fotografi. Il tutto richiede molto tempo e organizzazione”.

Non mancano i commenti degli haters. “Accetto tutto  – dice – ma sempre nei limiti, se la critica è costruttiva ben venga, poi se è un commento volto solo ad offendere, allora no. Prima mi capitava di rispondere al commento di qualche hater, poi ho capito che alcuni lo fanno solo per farti reagire, volendo ottenere da te una risposta ed attirare così la tua attenzione, quindi ho imparato che bisogna ignorare ed essere indifferente a questo tipo di cose. Mi rendo conto che, però, per poterlo fare è necessario avere un carattere abbastanza forte e non tutti hanno spalle grandi per poter sopportare”.

Da qualche mese Mafalda si sta impegnando anche a condividere alcune campagne di sensibilizzazione contro il cyberbullismo online.

“Fortunatamente – spiega – sono pochi i commenti ‘fuori luogo’ sul mio profilo, la maggior parte sono tutti positivi. Sono tra le prime influencer italiane ad essermi esposta nella battaglia del Covid, ne hanno parlato anche  importanti quotidiani”.

Mafalda è oggi tra le beauty influencer più seguite in Italia, ad aprile è stata mi definita anche come una delle IT GIRL più influenti. “Si può dire che la passione che avevo sin da bambina si è trasformata in un vero e proprio lavoro. Mi piacerebbe continuare questo lavoro con l’ambizione  di raggiungere livelli sempre più alti diventando un’influencer riconosciuta a livello internazionale”.

Continua a leggere

Primo Piano