Collegati con noi

Wine&Food

Nella Locanda di Simone Profeta a Napoli i piatti raccontano la storia del gusto

Pubblicata

il

39BCAAEB DBA6 4BAC B7C8 61AEE46403D8

NAPOLI – Un ristorante, una locanda, un ritrovo ed un rifugio, dove assaggiare belle storie narrate nei piatti. La Locanda del Profeta dello chef Simone Profeta in vico Satriano a Napoli si presenta oggi con un’atmosfera calda e accogliente, i cui particolari disseminati in giro sono tutti da scoprire: soffitto a volta con mattoni a vista, antiche piastrelle napoletane, lampade in rame, tavoli di abete, sedie variopinte e porte provenienti dal Marocco. Il pezzo forte è sicuramente il grande tavolo indiano in legno massello dal piano turchese, che caratterizza l’ambiente grazie anche alla strategica collocazione al centro della sala.
La Locanda del Profeta è un luogo magico dove il palato compie un viaggio dei sensi: partendo dalla Campania, circumnavigando le coste della penisola, raccogliendo profumi, attraversa l’Italia e collezionando aromi al gusto della tradizione, infine, guarda il mondo.
Lo chef, ispirato dagli ingredienti, nei suoi piatti racconta il sapore del mare con il suo spaghetto al riccio e l’odore di montagna con il suo tagliolino al tartufo bianco; nelle sue ricette classiche si assapora l’innovazione, garantendo sempre la genuinità del prodotto fresco di stagione. La fantasia dei menù degustazione di mare e di terra guida il cliente nella scelta degli abbinamenti tra le portate.
Lo chef coccola i suoi ospiti servendo il pane caldo di propria produzione. Si possono gustare deliziosi panini alla curcuma, pomodoro, patate della Sila e cipolla; un’altra specialità sono grissini prodotti con farina macinata a pietra, all’ olio extra vergine d’oliva. La cantina della Locanda del Profeta vanta una selezione di oltre 300 etichette di vini naturali, vini francesi, champagne, vini da meditazione che non sono nient’altro che il frutto di una minuziosa ricerca, tra le eccellenze dei piccoli produttori agricoli che assicurano un l’altissima qualità, per garantire un equilibrio con il carattere del menù.
Tra le specialità, il sempre verde Scarpariello al pomodorino del piennolo del Vesuvio, il tagliolino con burro della Valtellina e tartufo Settima profezia(spaghettone con salsa di ostriche su tartara di tonno ed oyster leaves, gli spaghetti con anemoni di mare, l’uovo di Peppovo Pochè con spuma di patate della Sila e tartufo.

Continua a leggere