Collegati con noi

Aerospazio

Airbus presenta Flightlab, l’elicottero per testare le tecnologie del futuro

Pubblicata

il

Marignane, Francia  – Airbus Helicopters ha iniziato i test in volo a bordo del suo Flightlab, un laboratorio volante indipendente dalla piattaforma dedicato esclusivamente allo sviluppo di nuove tecnologie. Il Flightlab di Airbus Helicopters fornisce un banco di prova agile ed efficiente per testare rapidamente le tecnologie che potrebbero successivamente essere equipaggiate sull’attuale gamma di elicotteri di Airbus, e quelle ancora più dirompenti per i futuri aeromobili ad ala fissa o le piattaforme (e)VTOL.

Airbus Helicopters intende proseguire i test delle tecnologie di propulsione ibrida ed elettrica con il suo dimostratore Flightlab, così come esplorare l’autonomia e altre tecnologie volte a ridurre l’impatto acustico degli elicotteri o a migliorare la manutenzione e la sicurezza del volo.

“Investire nel futuro rimane essenziale, anche in tempi di crisi, specialmente quando queste innovazioni portano un valore aggiunto ai nostri clienti puntando a una maggiore sicurezza, a una riduzione del carico di lavoro dei piloti e impatti acustici ridotti”, ha detto Bruno Even, CEO di Airbus Helicopters. “Avere una piattaforma dedicata per testare queste nuove tecnologie ci porta più vicini al futuro del volo ed è un chiaro riflesso delle nostre priorità in AirbusHelicopters”, ha aggiunto.

I test di volo sono iniziati lo scorso aprile, quando il dimostratore è stato utilizzato per misurare l’impatto acustico degli elicotteri nelle aree urbane e per studiare in particolare come gli edifici possono influenzare la percezione delle persone. I primi risultati mostrano che gli edifici giocano un ruolo importante nel mascherare o amplificare l’impatto acustico e questi studi saranno fondamentali quando verrà il momento di definire i parametri di rumore e le normative, specialmente per le iniziative riguardanti la mobilità aerea urbana (Urban Air Mobility – UAM). I test sono stati portati avanti a dicembre per valutare il Rotor Strike Alerting System (RSAS) volto ad avvisare gli equipaggi del rischio imminente di collisione con i rotori principali e di coda.

I test di quest’anno includeranno una soluzione per il rilevamento delle immagini tramite telecamere per consentire la navigazione a bassa quota, la fattibilità di un sistema dedicato al monitoraggio della salute e dell’utilizzo (Health and Usage Monitoring System – HUMS) per elicotteri leggeri, e un sistema di back-up del motore, che fornirà energia elettrica di emergenza in caso di guasto alla turbina. I test sul Flightlab continueranno nel 2022 per valutare una nuova interfaccia ergonomica dei controlli di volo intuitivi per il pilota destinati a ridurre ulteriormente il carico di lavoro del pilota, che potrebbe essere applicabile agli elicotteri tradizionali così come ad altre formule VTOL come l’UAM.

Il Flightlab è un’iniziativa di Airbus, che riflette l’approccio dell’azienda volto a un’innovazione focalizzata sul fornire valore ai clienti.  Airbus ha già diversi Flightlab ben noti, come l’A340 MSN1, utilizzato per valutare la fattibilità dell’introduzione della tecnologia delle ali a flusso laminare su un grande aeromobile di linea, e l’A350 Airspace Explorer utilizzato per valutare le tecnologie di cabina connesse in volo.

Continua a leggere

Aerospazio

Ingenuity: primo storico volo su Marte del piccolo drone della Nasa

Pubblicata

il

«In volo un sogno»: ecco come la Nasa commenta i 40 secondi in cui il drone Ingenuity si è librato sopra Marte, nel 1° volo controllato su un altro pianeta. Volo che era stato posticipato e fermato qualche giorno fa a causa del vento.

Invece oggi Ingenuity è riuscito a decollare con istruzioni ricevute da Terra, poi in autonomia è salito in verticale fino a 5 metri,per fermarsi sopra Perseverance, il rover con cui è arrivato su Marte. Il test è durato pochi secondi ed è consistito in un decollo e in un atterraggio in verticale, raggiungendo un’altezza di circa 3 metri. È la prima volta nella storia delle esplorazioni spaziali che viene compiuto un volo a motore su un pianeta diverso dalla Terra.

Il breve volo è stato ripreso dalle videocamere a bordo di Ingenuity e da quelle del rover Perseverance. Nelle prossime ore i tecnici della NASA analizzeranno i dati per approfondire l’esito del test, in vista dei prossimi e più impegnativi voli previsti per Ingenuity su Marte.

Continua a leggere

Aerospazio

Al via TgTech di i-Talicom con un occhio attento sull’hi-tech Made in Sud

Pubblicata

il

NAPOLI – Avrà inizio domani sera venerdì 12 febbraio, alle 21 su Ora Tv, canali 287 e 827 del digitale terrestre in Campania, in streaming sul web, il nuovo progetto televisivo della redazione di i-Talicom, la testata on line tecnologica con redazione centrale a Napoli ed una sede distaccata anche a Roma, con la prima puntata del TgTech, un magazine settimanale dedicato alle tecnologie ed all’innovazione con un occhio attento a ciò che si muove in Campania e nel resto del Sud. Il magazine televisivo andrà in onda ogni settimana il venerdì sera alle ore 21 e sarà disponibile anche sul canale web televisivo (www.italicom.net) della testata giornalistica. In questa prima puntata si parlerà tra l’altro del primo compleanno di Aerotech Campus sorto nel sito di Leonardo a Pomigliano d’Arco, che s’inserisce nella rete dei Leonardo Labs, ovvero i laboratori di innovazione tecnologica di Leonardo, e costituisce il centro di innovazione su materiali e processi produttivi per l’intero Gruppo. Campus che favorisce l’innovazione e l’apertura a nuove soluzioni tecnologiche in linea con i trend di mercato, avvalendosi del supporto dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Ma verrà dato risalto anche ad un colosso dell’innovazione tecnologica in campo ingegneristico, NetCom Group che ha sede a Napoli ed in pochi anni si è espansa in tutta Italia ed ha anche operato fondamentali acquisizioni di altre aziende sia nel Nord che nel Centro Italia. Ed ora mira ai mercati internazionali. Ma si parlerà anche di social e di nuove tecnologie. Il TgTech andrà in onda anche in versione radiofonica su i-Talicom Radio, la web radio che fa capo alla testata giornalistica.

Continua a leggere

Aerospazio

Airbus studia il concetto “Moon Cruiser” per il veicolo di trasferimento cislunare dell’ESA

Pubblicata

il

TOLOSA – L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha assegnato ad Airbus il contratto di studio CLTV (Cis-Lunar Transfer Vehicle) per un incrociatore lunare, il “Moon Cruiser”. Secondo il progetto di studio (fase A / B1), il CLTV è un veicolo logistico versatile e autonomo che fornirà, ad esempio, un supporto tempestivo ed efficiente alla NASA e all’ESA nell’implementazione delle future missioni lunari Artemis. Il veicolo spaziale sarà sviluppato sulla base di tecnologie esistenti e collaudate e sarà in grado di integrare il versatile Large Logistic Lander (EL3) europeo.

L’esecuzione di missioni lunari, compreso lo sbarco sulla luna e l’allestimento della prossima stazione spaziale cislunare, Gateway, è un compito complesso e difficile per la comunità internazionale. Richiede una catena di approvvigionamento e missioni logistiche pianificate con precisione. Il Moon Cruiser di Airbus affronta queste sfide in diversi modi:

  • Logistica del Gateway: il CLTV può trasportare merci o carburante per il rifornimento in orbita lunare e al Gateway (il progetto internazionale guidato principalmente da NASA ed ESA, che consentirà una presenza permanente sulla Luna e l’esplorazione oltre il satellite, e che è uno dei pilastri del programma NASA Artemis.
  • Trasferimento di un grande modulo lunare in orbita lunare bassa: il CLTV è necessario per pilotare lander sulla Luna o un lanciatore tra il Gateway e l’orbita lunare bassa, per eseguire missioni di atterraggio e decollo sulla Luna con capacità maggiori e più estese
  • La versatilità del CLTV gli consentirà inoltre di supportare missioni infrastrutturali orbitali post-ISS in orbita terrestre bassa, nonché missioni nel campo dei servizi satellitari geostazionari.

Il design del CLTV consente di svolgere diversi tipi di missioni con un unico veicolo ed è compatibile con diversi lanciatori. La soluzione Airbus è un concetto maturo, versatile e modulare che attinge all’ampia gamma di missioni di volo e di esplorazione spaziale con equipaggio e veicoli costruiti da Airbus per l’ESA, tra cui l’European Service Module (ESM) per Orion, nonché cinque missioni di successo di trasporto spaziale Automated Transfer Vehicle (ATV), che trasportano nello spazio un totale di circa 30 tonnellate di merci.

Il CLTV può essere lanciato da Ariane 6 e potrebbe trasportare un modulo che pesa più di 4,5 tonnellate al Gateway. L’ESA potrebbe utilizzare il CLTV nella seconda metà del decennio, per una “crociera” in traiettoria diretta verso la Luna.

L’obiettivo è quello di convalidare la successiva fase di implementazione (B2/C/D) del CLTV al prossimo Consiglio ministeriale del 2022, con un lancio previsto per il 2027.

Airbus sta costruendo per l’ESA il modulo di servizio europeo per il nuovo veicolo spaziale Orion della NASA, il veicolo spaziale centrale della futura esplorazione spaziale della NASA. Il primo modulo di servizio è già stato consegnato alla NASA da Airbus. Un secondo modulo di servizio è attualmente in costruzione presso Airbus a Brema. Il primo lancio di Orion – un volo di prova senza astronauti – porterà Orion in un’orbita lunare e tornerà sulla Terra come parte della missione Artemis I ed è previsto per il 2021.

Continua a leggere

Primo Piano