Collegati con noi

Toscana

Un processo partecipativo da avviare in Oltrarno: la proposta di Idra gradita al presidente del Quartiere 1 di Firenze

Pubblicata

il

FIRENZE – Propositiva, collaborativa, indipendente: così si è presentata ieri mattina al presidente del Quartiere 1 di Firenze, che contiene il tesoro del Centro storico Unesco, l’associazione ecologista Idra, che a Maurizio Sguanci aveva chiesto un colloquio sul tema delicatissimo della trasformazione urbanistica, attualmente allo studio degli organi tecnici e delle sedi politiche del Comune, di un vasto complesso edilizio e verde: l’ex Scuola di Sanità militare in Costa S. Giorgio. Confinante con Palazzo Pitti, il giardino rinascimentale di Boboli, il Forte mediceo di Belvedere, l’ex Caserma “Vittorio Veneto” è in realtà un bene architettonico di significativo pregio storico, artistico e paesaggistico, utilizzato dal Ministero della Difesa fino al 1998 e quindi di fatto sconosciuto ai fiorentini. Acquistato nel 2015 dall’imprenditore argentino Alfredo Lowenstein, per la peculiarissima posizione risulta fortemente attrattivo (e dunque soggetto al rischio concreto di utilizzazioni improprie), ma è al tempo stesso in stato di avanzato degrado, e meritevole dunque di un intervento sapiente di recupero e valorizzazione.

L’associazione Idra ha raccolto in questi mesi un diffuso e trasversale malessere civico fra gli abitanti del luogo, hanno spiegato al primo cittadino del Quartiere Girolamo Dell’Olio e Sabina de Waal, i referenti di Idra, intervenuti all’incontro insieme a Claudia Bernabei, esponente del gruppo di cittadinanza attiva saldatosi attorno all’obiettivo della trasparenza sul destino dell’ex Caserma. Il vulnus più grave appare essere infatti quello della carente informazione sulle fasi e i contenuti del procedimento urbanistico in corso.

Un malessere al quale si è aggiunta – nel più ampio contesto nazionale e internazionale – una preoccupazione anche di tipo culturale, per le conseguenze che potrebbe generare in questo prezioso spicchio Unesco una pianificazione non sufficientemente rispettosa dei valori del contesto. Si consideri infatti, se non altro, la dimensione dell’intervento fin qui prospettato, hanno suggerito de Waal, Bernabei e Dell’Olio: una destinazione quasi monoculturale, a turistico ricettivo, dell’86% degli oltre 16.000 metri quadri del manufatto, con 300 posti letto, opere, parcheggi e servizi previsti in sotterraneo, collegamenti ‘privati’ fra l’albergo di progetto, Palazzo Pitti e Forte Belvedere attraverso il giardino del Tribolo. Non sembra trattarsi di un’ipotesi plausibile nei termini in cui è stata proposta fin qui, considerando la delicatezza dei luoghi, le caratteristiche della viabilità collinare e gli impatti che la cantierizzazione determinerebbe sulla stessa (soprav)vivibilità di coloro che vi abitano o lavorano. Sembra legittimo dubitare che un intervento come quello apparentemente proposto dalla nuova proprietà del bene possa persino definirsi auto-sostenibile da un punto di vista imprenditoriale in un arco di tempo ragionevolmente ravvicinato.

Ecco perché Idra ha in animo di presentare al Consiglio regionale della Toscana, attraverso lo strumento della Autorità per la garanzia e la promozione della partecipazione, un progetto di percorso condiviso che comporti un coinvolgimento della popolazione ampio e inclusivo, come strumento di crescita di consapevolezza e di capacità propositiva. In una prospettiva integrata di rigenerazione urbana, si perseguirebbe in tal modo l’obiettivo di facilitare, a partire dalla conoscenza dei dati e delle ipotesi di progetto fin qui formulate, l’interlocuzione fra istituzioni e comunità, valorizzando i punti di vista e i contributi di tutti i portatori di interessi. Non farebbe forse bene alla salute del quartiere, e in particolare dell’Oltrarno, discutere – a partire dall’analisi di questa criticità/opportunità – il tema della vivibilità e dell’accessibilità, della fruizione sociale e culturale, della tutela, del recupero e della manutenzione dell’intera area? Potrebbe chiamarsi “Laboratorio Belvedere”: uno spazio democratico scevro da aloni ideologici, al quale proporre il contributo – perché no? –  delle scuole (pensiamo ad esempio al Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto Fiorentino) e dell’Università (a partire dalla Facoltà di Architettura).

E’ stata quindi particolarmente gradita la disponibilità del Quartiere ad aprire un percorso di ascolto attestata ieri mattina dal presidente Sguanci, al termine del colloquio, allo scenario proposto. Idra ha da parte sua evidenziato con soddisfazione come il Quartiere 1 sia il solo soggetto amministrativo che, a Firenze, ha sottoscritto il Protocollo d’intesa Regione – Enti locali, in attuazione della legge 46, istitutiva della partecipazione. Avvalendosi anche delle prerogative che derivano da questo protocollo, è stato osservato dai partecipanti all’incontro, sarà possibile fruire della disponibilità di luoghi e locali per lo svolgimento delle attività previste dal processo partecipativo e dare concretezza all’intento, che quel protocollo disciplina, di “promuovere forme di collaborazione con i cittadini e residenti in vista di presentazione di progetti partecipativi comuni”.

A breve, nuovi appuntamenti operativi sono stati concordati col presidente Sguanci nella direzione ipotizzata. A partire da quello con la Commissione Territorio del Quartiere e con l’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione.

Continua a leggere

Italia

Marina Militare: open day in Accademia Navale di Livorno sabato 23 gennaio

Pubblicata

il

LIVORNO – Sabato 23 gennaio 2021, l’Accademia Navale di Livorno organizzerà un Open Day virtuale rivolto a tutti coloro che vorranno conoscere da vicino la vita degli allievi ufficiali della Marina Militare.

I visitatori si potranno collegare a distanza interagendo con gli allievi e con gli ufficiali dell’Istituto che guideranno i partecipanti attraverso un tour dei luoghi simbolo dell’Accademia Navale (verranno proiettati filmati della Biblioteca, della Sala Storica, del Simulatore di Plancia e più in generale di tutte le attività che contraddistinguono la giornata tipo in Accademia) illustrandone le peculiarità formative.

Verranno inoltre presentati briefing sulle modalità di ammissione alla 1ª classe dei Ruoli Normali e sulle opportunità di carriera in Marina Militare.

E’ infatti ancora aperto il concorso per l’accesso alla 1^ classe dei Corsi Normali dell’Accademia Navale di Livorno, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 02 del 08-01-2021 con possibilità di iscrizione fino al 16 febbraio 2021.

Potranno presentare la domanda tutti i giovani di età compresa tra i 17 e i 22 anni non ancora compiuti, in possesso di cittadinanza italiana, di un diploma di Scuola Media Superiore, oppure in procinto di conseguirlo alla fine del corrente anno scolastico.

Continua a leggere

Campania

Il Napoli spietato asfalta la Fiorentina 6-0

Pubblicata

il

NAPOLI – Un Napoli a valanga quello che oggi ha battuto con un risultato tennistico (6-0) la Fiorentina. La squadra di Gattuso vince e convince con una Fiorentina che nei primi minuti di gioco sembrava poter ben figurare oggi sul terreno dello stadio Diego Armando Maradona. Apre le danze Lorenzo Insigne al 4′ minuto su assiste di Andrea Petagna a sua volta servito in area da Lozano dopo una discesa sulla fascia destra. Viola tre volte vicinissimi al pari (due con Biraghi,beffato dalla traversa, più Ribery fermato da Ospina), poi crollano di schianto: Demme fa centro in scivolata (36′). Lozano fredda Dragowski in uscita (38′), Zielinski timbra dal limite (45′). La ripresa è solo una formalità per gli azzurri, che controllano agevolmente i tentativi ospiti e completano l’opera con il rigore di Insigne al 27′ (fallo di Castrovilli su Bakayoko) e la rete di Politano al 44′.

IL TABELLINO
NAPOLI-FIORENTINA 6-0
Napoli (4-2-3-1):
Ospina 7; Hysaj 6, Manolas 6,5 (34′ st Rrahmani sv), Koulibaly 7,5; Mario Rui 6,5; Demme 8;  Bakayoko 6,5; Lozano 7 (17′ st Politano 6,5), Zielinski 7 (28′ st Elmas 6), Insigne 9 (34′ st Cioffi sv); Petagna 7,5 (28′ st Mertens 6). A disp.: Maksimovic, Ghoulam, Lobotka, Llorente, Contini, Meret. All.: Gattuso 7
Fiorentina (3-4-2-1): Dragowski 6; Igor 5, Milenkovic 5 (40′ st Quarta sv), Pezzella 5; Venuti 5, Amrabat 5,5 (40′ st Borja Valero sv), Castrovilli 4,5 (28′ st Pulgar 5,5), Biraghi 6; Callejon 5 (29′ st Bonaventura 5,5), Ribery 6 (1′ st Kouamé 6), Vlahovic 6. A disp.: Barreca, Caceres, Montiel, Eysseric, Krastev, Ricco, Terracciano. All.: Prandelli
Arbitro: Chiffi
Marcatori: 5′ e 27′ st (rigore) Insigne, 36′ Demme, 38′ Lozano, 45 Zielinski, 44′ st Politano (N)
Ammoniti: Insigne (N)
Espulsi: –

Continua a leggere

Campania

Coppa Italia: il Napoli si qualifica per i quarti battendo l’Empoli 3-2

Pubblicata

il

NAPOLI – Il Napoli si è qualificato per i quarti di finale della Coppa Italia e ha evitato anche il pericolo dei supplementari. Battuta l’Empoli (3-2) al termine di una partita vivace e molto più combattuta del previsto. L’ha decisa nel finale Petagna, in mischia. Ma il risultato è rimasto in bilico fino al 93′. Prossimo avversario per Gattuso la vincente tra Roma e Spezia.

Continua a leggere

Primo Piano